Istituto Comprensivo Tommaso Grossi > Attività scolastiche > Incontro con Salvatore Borsellino, un testimone per la Legalità
Ultima modifica: 25 maggio 2019

Incontro con Salvatore Borsellino, un testimone per la Legalità

Oggi 13 dicembre, nell’Auditorium di via Meda a Rho, le alunne e gli alunni delle classi terze della scuola secondaria, accompagnati dai loro docenti, hanno partecipato all’incontro, organizzato dalla prof.ssa Clelia La Palomenta, con Salvatore Borsellino. Erano presenti il Sindaco di Rho prof. Pietro Romano, l’Assessore Valentina Giro e il nostro Dirigente scolastico prof.ssa Sandra Moroni.

L’incontro con Salvatore Borsellino è stato un momento molto emozionante fatto di ricordi e di storie: la storia della sua famiglia, l’importanza e il ruolo della madre, l’infanzia e i giochi in mezzo alla strada dei due fratelli Salvatore e Paolo, l’incontro con Giovanni Falcone, gli studi e le scelte di vita che hanno portato i fratelli in due strade diverse. Salvatore Borsellino ha parlato con i ragazzi raccontando della sua storia sofferta di fratello e di testimone, ha parlato della mafia, di cosa è, della lotta svolta da chi con coraggio ha dato la propria vita per combatterla. Ha parlato della Sicilia e soprattutto di Palermo, città bellissima, una volta chiamata la Conca d’oro perché piena di aranceti e di splendide ville liberty, un tesoro di bellezza distrutto con un solo gesto quando si decise di coprire tutto col cemento, per colpa soprattutto dei politici corrotti. Salvatore Borsellino ha parlato della famosa agenda rossa scomparsa, mai più ritrovata, del fratello Paolo che portava sempre con sé e inspiegabilmente sparita il giorno dell’attentato. Ha parlato di una lettera che il fratello stava scrivendo in risposta ad alcuni studenti che lo avevano invitato a scuola e che non era riuscito a completare perché quello stesso giorno aveva perso la vita nell’attentato del 19 luglio 1992 insieme ai ragazzi della sua scorta. Un nostro alunno di classe III E, Tommaso Cardani, ha inviato, pochi giorni dopo l’incontro, la richiesta per email a Salvatore Borsellino di conoscere il contenuto di quella lettera perché incuriosito dalla storia. La risposta è arrivata pochi giorni dopo con l’invio della lettera di Paolo Borsellino. Clicca qui di seguito per leggere il documento.

L’ultima lettera di Paolo Borsellino

I nostri alunni avevano preparato un cartellone che Salvatore Borsellino ha apprezzato molto per la frase contenuta: “alla ricerca della verità”. Sì, perché la missione oggi di Salvatore è quella di non arrendersi mai per la ricerca della verità, ricordare e mantenere viva la lotta contro i soprusi, contro l’illegalità, contro tutti quegli atteggiamenti di sopraffazione e di non restare indifferenti, ma di reagire a testa alta.