Istituto Comprensivo Tommaso Grossi > Attività scolastiche > Nella splendida cornice del monte Adamello, classi seconde alla scuola secondaria
Ultima modifica: 15 aprile 2018

Nella splendida cornice del monte Adamello, classi seconde alla scuola secondaria

Come ormai da tradizione, la scuola secondaria ha proposto alle alunne e agli alunni delle classi seconde, una visita guidata a Vezza d’Oglio, un comune della Val Camonica, in provincia di Brescia. I ragazzi hanno vissuto due giorni di pura avventura, immersi nella natura incontaminata di questa splendida valle ai piedi del monte Adamello (3.554 m). Appena arrivati, la prima attività prevista è al Parco Avventura, costituito da diversi percorsi aerei posti a varie altezze da terra che, con l’aiuto di liane, ponti tibetani, cavi (teleferiche), reti e passerelle, permettono di passare da un albero all’altro in estrema sicurezza. E’ una forma nuova ed originale di attività che avvicina adulti e ragazzi allo sport e al divertimento, alla scoperta delle proprie attitudini motorie e sensoriali, per mettere alla prova sé stessi in completa sicurezza, sotto gli occhi vigili degli operatori del parco e degli insegnanti. Nel pomeriggio, attività di orienteering, dove i ragazzi hanno effettuato un percorso di orientamento nel bosco, dividendosi in gruppi di quattro-cinque alunni. Dopo aver ascoltato le istruzioni e le spiegazioni degli operatori sulle conoscenze storiche dell’orientamento (sole, stelle, stella polare, muschio sugli alberi, bussola), i ragazzi si sono avventurati nel bosco seguendo il percorso della mappa consegnata. A tarda sera, tutti insieme, con le torce in mano, ad avvistare i cervi, cercando di fare meno rumore possibile per non spaventarli e vederli fuggire via. Durante la notte, una nevicata imprevista ha coperto di neve i percorsi del trekking programmato per il mattino dopo e tutti quanti a sprofondare sulla neve per raggiungere la meta. Paesaggi mozzafiato, natura incontaminata, aria tersa e pulita, hanno fatto da cornice alla passeggiata. Infine, sono stati avvistati (con un potente binocolo) stambecchi e camosci nel loro habitat naturale, mentre brucavano e si riposavano. Un momento di pura magia. Durante la passeggiata, un incontro fortunato: Enrico Bassi, ornitologo e naturalista del Parco dello Stelvio che ha coinvolto i ragazzi in una interessante lezione sull’aquila reale che sorvola le valli con la sua maestosità. Scienze motorie, botanica, orientamento, geografia, storia, scienze della Terra, zoologia ed etologia, tutte discipline vissute sul campo in due giorni di sana e coinvolgente avventura.